b2ita - Centro Linguistico di Ateneo

Vai ai contenuti

Menu principale:

b2ita

Test-Certificazioni > Prototipi Test

ITALIANO L2 - LIVELLO B2
PROTOTIPO TEST INFORMATIZZATO E PROVA SCRITTA

Istruzioni generali per l’esame finale

L’esame finale di competenza linguistica di italiano L2 si compone di tre prove:
- test informatizzato (di cui trovi un esempio qui di seguito)
- prova di composizione scritta (trovi alcuni esempi di titoli qui di seguito)
- prova orale (il lettore di italiano L2 potrà darti indicazioni in proposito).

Ogni prova è valutata in centesimi. Il voto finale dell’esame è dato dalla media dei tre punteggi. Per accedere alla prova scritta e alla prova orale bisogna aver superato il test informatizzato con un voto pari almeno a 55/100.
La sufficienza (voto minimo) dell’esame è 60/100.

Per svolgere il test informatizzato bisogna iscriversi on-line nel sito del C.L.A. nelle date indicate dal calendario di testing: osserva sempre bene il sito per non perdere le date utili!

Il test informatizzato dura 55 minuti, durante i quali svolgerai, nell’ordine le quattro prove seguenti:
1. prova d’ascolto
2. prova di lettura e comprensione
3. prova grammaticale
4. prova di comprensione testuale – cloze test
Finita una prova non si può più tornare indietro, quindi devi essere molto sicuro del tuo lavoro quando clicchi su “Continua” (“Submit”) per passare alla prova successiva.

Quando hai finito il test informatizzato, se hai ottenuto almeno 55 punti, puoi accedere alla prova scritta, che si svolgerà sempre in laboratorio al computer.
Ti viene consegnata una traccia da svolgere nel tempo massimo di 55 minuti.

Consigli per svolgere il test prototipo
Di seguito abbiamo creato un esempio di test informatizzato di livello B2.
Per poter capire realmente se sei pronto per affrontare l’esame finale di livello B2 ti consigliamo di:

- provare a svolgere il test con le condizioni dell’esame (senza aiuto del vocabolario o della grammatica, in 55 minuti, una prova alla volta senza mai tornare indietro)
- solo alla fine consultare le chiavi che sono riportate in coda al test
- provare il test prima della fine delle lezioni così, se hai dei dubbi, puoi andare nelle ore di tutorato dal lettore e ricevere delle spiegazioni

Dopo le chiavi del test abbiamo inserito anche alcuni esempi di tracce per la prova di composizione scritta del livello B2. Per poter capire realmente se sei pronto per affrontare l’esame finale di livello B2 ti consigliamo di:
- provare a svolgere la prova scritta con le condizioni dell’esame (senza aiuto del vocabolario o della grammatica, in 55 minuti, al computer)
- portare la tua composizione al lettore durante le ore di tutorato in modo da capire quali sono stati i tuoi errori e cosa devi ancora studiare
- provare la composizione scritta prima della fine delle lezioni così, se hai dei dubbi, puoi andare nelle ore di tutorato dal lettore e ricevere delle spiegazioni

ITALIANO L2 - LIVELLO B2
PROTOTIPO TEST INFORMATIZZATO

1. PROVA - ASCOLTO

Ascolterai un’intervista a un cantante italiano, Zucchero Fornaciari, trasmessa su Radio 102.5.
Decidi se le seguenti affermazioni sono vere o false.

2 punti per ogni risposta corretta

ZUCCHERO


1. Il conduttore gioca con la somiglianza fra il titolo dell’album e il nome del cantante
V F
2. I primi album di Zucchero erano composti solo con chitarra e voce V F
3. Zucchero definisce gli strumenti musicali elettronici “begli aggeggi” V F
4. Il nuovo album di Zucchero si intitola “Blues” V F
5. Nella pagina centrale del libretto del CD ci sono Zucchero, una chitarra e un faro
V F
6. Secondo Zucchero il mondo in cui viviamo è poco armonico V F
7. La foto del CD è stata scattata vicino a Los Angeles V F
8. Zucchero, nell’album, parla di solitudine disperata V F
9. Ray Charles ha fatto un concerto nel Dry Lake V F
10. Zucchero parla italiano con accento meridionale V F


2. PROVA DI LETTURA E COMPRENSIONE

Leggi il seguente testo e rispondi alle domande sottostanti.

4 punti per ogni risposta corretta

IL NEGOZIO DELLA SPESA SFUSA

Da giugno 2012 ha aperto anche a Milano il Negozio Leggero. “Leggero” perché la spesa qui si fa alla spina, economica e di qualità: severamente vietati imballaggi o confezioni che non siano vuoti a rendere. E si trova di tutto.
I produttori sono tutti italiani e, in occasione dell’apertura del primo negozio di Torino, è stato fatto lo studio di partenza per la ricerca prodotti di cui anche il negozio milanese ricalca lo schema: riso, legumi e vini vengono dal Piemonte; i preparati per la cura e l’igiene della persona vengono fatti su indicazione dell’ente di ricerca da alcuni laboratori torinesi. E la ricerca continua, con lo studio delle tipicità regionali italiane e con uno sguardo alla cucina internazionale ed etnica.
Per qualsiasi dubbio o curiosità sull’origine e la composizione delle merci è comunque a disposizione un archivio di schede prodotto consultabile a richiesta.
Il negozio è molto luminoso con arredi in legno e metallo: vedere la merce nei dispenser appaga l’occhio e il senso di economia degli spazi. Nessuno strillo pubblicitario, solo sostanza.
I due “commessi” superpreparati sono Daniela (ex art director) e Claudio (che arriva dal mondo editoriale), sempre pronti a rispondere alle mille domande che tutti, curiosi e neoaffezionati clienti, gli pongono (posso testimoniarlo) sulla qualità, sul costo e sulla modalità di vendita. Negozio Leggero ha attirato fin dall’apertura, a giugno, l’attenzione di molte persone nella zona ma è già successo che qualcuno arrivi da fuori Milano per curiosare e non esca a mani vuote. E poi se la fidanzata vi ha lasciato o i figli sono partiti per la legione straniera sappiate che qui potrete soddisfare qualche sfizio senza ansia da acquisto di grandi quantità.
Da Negozio Leggero potete trovare tutto il “secco”: pasta, riso, legumi, cereali, semi, biscotti. Ma anche vino e olio, tè e tisane. Ci sono poi i detersivi, gli shampoo e detergenti, gli olii cosmetici ma anche piccoli utensili per la cucina e altri accessori.
Per rispettare norme igieniche tassative i detergenti per la persona non si possono vendere sfusi ma con il meccanismo del “vuoto a rendere”, che una volta restituito viene sanificato.  Già dal secondo acquisto di un prodotto (anche in una profumazione differente) si paga solo il contenuto e non il contenitore; qualora non lo si riacquisti l’euro del contenitore viene restituito.
Per fare un esempio di evidente risparmio possiamo dire che mediamente uno shampoo da supermercato costa sui 3 o 4 € per 250 ml di prodotto. Qui lo shampoo costa dai 4,29 ai 4,89 € ma per 500 ml. Tutti i prodotti per la cura della persona sono senza parabeni, senza SLES, coloranti e derivati animali. Gli spazzolini sono di una nota marca che ha fatto della testina ricambiabile (con ioni d’argento antibatterici) il suo cavallo di battaglia. Negozio Leggero compra testine e spazzolini direttamente dalla casa produttrice: si può acquistare il dentifricio della stessa marca ma anche un preparato artigianale senza fluoro creato dal laboratorio.
Negozio Leggero è uno dei progetti di Ecologos, un ente di ricerca ambientale che da circa dieci anni si occupa di ricerca scientifica e ambientale dal basso, proponendo alle amministrazioni comunali progetti concreti per la riduzione dei rifiuti alla fonte. Con il supporto operativo della Cooperativa Rinova, è nata una rete di negozi dove il cittadino può fare una spesa di qualità, a prezzi competitivi, senza produrre rifiuti. Negozio Leggero nasce per ridare quindi senso all’acquisto che sì rispetti la qualità della merce a prezzi contenuti e la filiera corta ma anche ci faccia uscire dall’insensato tunnel dell’imballaggio superfluo. Negozio leggero oggi ha sedi a Torino, Moncalieri, Asti, Novara, Roma e Milano.
(liberamente tratto da: www.survivemilano.it)

Nel testo che hai letto si dice che:

1. La denominazione “Negozio Leggero” nasce dal fatto che
a) vi si propongono prezzi molto vantaggiosi
b) vi si evitano i contenitori “usa e getta”
c) vi si vendono esclusivamente prodotti a basso contenuto calorico
d) vi si vendono solo prodotti in ridotte quantità

2. Nel “Negozio Leggero” la merce
a) non viene esposta sugli scaffali
b) è sempre accompagnata dalla relativa pubblicità
c) proviene esclusivamente dalla zona di Milano
d) viene presentata in appositi distributori e dosatori

3. Nel negozio della spesa sfusa si trovano
a) prodotti vari, spesso col sistema del “vuoto a rendere”
b) solamente prodotti privi di confezione
c) solamente prodotti privi di marchio di provenienza
d) prodotti esclusivamente italiani, specie piemontesi

4. Nel “Negozio Leggero” si trovano
a) prodotti fabbricati esclusivamente da note marche
b) prodotti esclusivamente artigianali
c) prodotti di alta qualità a prezzo elevato
d) prodotti di alta qualità a prezzi convenienti

5. L’idea iniziale del “Negozio Leggero” nasce
a) da un progetto di due commessi di Milano
b) dal progetto di una cooperativa locale milanese
c) dal progetto di un istituto di ricerca ambientale
d) da un progetto avviato in cooperazione da diverse città italiane



3. PROVA GRAMMATICALE - COMPLETAMENTO

Completa le seguenti frasi scegliendo l’opzione corretta.

2 punti per ogni risposta corretta

1. Su, dai, vieni anche tu in montagna domani con noi! Basta che tu _____________________ puntuale, l’ultima volta ci hai fatto perdere lo ski-bus.

sia
saresti
sei
fossi

2. Secondo me ieri Davide _____________________ in modo scorretto nei riguardi di Chiara, che non se lo meritava davvero.

si è comportato
si sia comportato
si comporti
si ha comportato


3. Questo è un prodotto fresco e lavorato artigianalmente; si mantiene a lungo, purché lo ___________________ in un luogo asciutto e leggermente ventilato.

terrete
tenete
terreste
teniate

4. Penso che durante la riunione di ieri tutti ___________________ il senso delle mie parole: sono stato un libro aperto.

abbiano capito
capiscano
capiscono
capirebbero

5. Mi avevano detto che Luca è una persona estremamente generosa, ma non credevo che la sua generosità ____________________ a tanto!

è arrivata
arriverebbe
arrivi
arrivasse

6. Grazie mille per l’aiuto che mi hai dato! Sapevo che ____________________ su di te in questo frangente!

potessi contare
avessi potuto contare
avrei potuto contare
contassi

7. Se tu mi ____________________ tutta la verità su questa faccenda apparentemente tanto complicata, potrei forse esserti d’aiuto in qualche modo.

dicessi
diresti
dica
avresti detto

8. Molti emigranti italiani raggiunsero negli Stati Uniti i familiari e conoscenti, che ____________________ lì tempo prima.

si avevano insediato
si insediavano
si sono insediati
si erano insediati

9. Mentre ____________________ dalla biblioteca, abbiamo visto passare Luigi che, di tutta fretta, si stava recando a lezione.

siamo usciti
uscivamo
abbiamo uscito
eravamo usciti

10. Questa notizia ____________________ da qualcuno a scopo intimidatorio, ne sono quasi certa.

è venuta diffusa
è stata diffusa
era venuta diffusa
è stata venuta diffusa



4. PROVA DI COMPRENSIONE TESTUALE – CLOZE TEST

Completa il seguente testo con le parole della lista.
Attenzione: ci sono cinque parole in più.

2 punti per ogni risposta corretta

di - avendo - che - da - dato che – con - quando - avuto - nonostante - dei - quali - dal – senza – cui - benché

NOVECENTO

"Novecento" è il libro da cui è tratto il film “La leggenda del pianista sull’oceano”. E’ praticamente un lungo monologo. La prosa è scorrevolissima, semplice, divertente e senza sosta; il racconto sembra il monologo di presentazione dell’attore di cabaret anni ’30. Novecento è un bambino dai genitori ignoti, trovato _______________ macchinista di un transatlantico, chiamato in tal modo _______________ nessuno sapeva quale fosse il suo vero nome. Il bambino, cresciuto dai membri dell’equipaggio (ognuno dei _______________ è brevemente descritto con un caratteristico ritratto), viene sentito un giorno suonare il pianoforte, con una bravura straordinaria per un ragazzino _______________ non ha neanche mai seguito lezioni di piano. La storia è presentata da un trombettiere jazz, salito sulla nave _______________ Novecento era ormai un uomo cresciuto. Egli ne descrive le “gesta” musicali, al limite della leggenda, misteriose e _______________ togliere il fiato. Novecento viene presentato nella sua genialità e con la sua persona che è essa stessa tutto un enigma, _______________ passato ed effettivamente senza nemmeno vera vita. Vissuto sempre su una nave, non _______________ mai messo piede al di fuori di essa, Novecento e la sua psicologia non possono esser compresi da persone abituate a vivere sulla terra ferma. Una figura geniale, ma al contempo impacciata, dato che la sua esperienza si esaurisce al di fuori _______________ corridoi della nave, a tratti bambinesca, ma sempre e comunque straordinariamente ermetica ed affascinante. _______________ la fretta con la quale gli eventi sono presentati, l’intreccio procede senza intoppi, senza tralasciare nulla di essenziale, intriso com’è di elementi poetici, capaci di toccare il lettore/ascoltatore.

(Liberamente tratto da: http://www.sololibri.net)



CHIAVI DEL TEST

1. PROVA - ASCOLTO


ZUCCHERO

1. Il conduttore gioca con la somiglianza fra il titolo dell’album e il nome del cantante F
[gioca con il titolo dell’album e il titolo della trasmissione]
2. I primi album di Zucchero erano composti solo con chitarra e voce  V
3. Zucchero definisce gli strumenti musicali elettronici “begli aggeggi”  V
4. Il nuovo album di Zucchero si intitola “Blues”  F
[si intitola “Fly”]
5. Nella pagina centrale del libretto del CD ci sono Zucchero, una chitarra e un faro F
[un pianoforte, non una chitarra]
6. Secondo Zucchero il mondo in cui viviamo è disarmonico  V
7. La foto del CD è stata scattata vicino a Los Angeles  V
[la foto è stata scattata sul Dry Lake, vicino a Los Angeles]
8. Ray Charles ha fatto un concerto nel Dry Lake  F
[è stato girata una pubblicità con lui alla guida di un’auto]
9. Zucchero, nell’album, parla di solitudine disperata  F
[parla di solitudine speranzosa]
10. Zucchero parla italiano con accento meridionale  F
[accento emiliano]

2. PROVA DI LETTURA E COMPRENSIONE

Soluzioni
1 b – 2 d – 3 a – 4 d – 5 c

3. PROVA - COMPLETAMENTO

1. Su, dai, vieni anche tu in montagna domani con noi; basta che tu sia puntuale, l’ultima volta ci hai fatto perdere lo ski-bus.
2. Secondo me ieri Davide si è comportato in modo scorretto nei riguardi di Chiara, che non se lo meritava davvero.
3. Questo è un prodotto fresco e lavorato artigianalmente; si mantiene a lungo, purché lo teniate in un luogo asciutto e leggermente ventilato.
4. Penso che durante la riunione di ieri tutti abbiano capito il senso delle mie parole: sono stato un libro aperto.
5. Mi avevano detto che Luca è una persona estremamente generosa, ma non credevo che la sua generosità arrivasse a tanto!
6. Grazie mille per l’aiuto che mi hai dato! Sapevo che avrei potuto contare su di te in questo frangente!
7. Se tu mi dicessi tutta la verità su questa faccenda apparentemente tanto complicata, potrei forse esserti d’aiuto in qualche modo.
8. Molti emigranti italiani raggiunsero negli Stati Uniti i familiari e conoscenti, che si erano insediati lì tempo prima.
9. Mentre uscivamo dalla biblioteca, abbiamo visto passare Luigi che, di tutta fretta, si stava recando a lezione.
10. Questa notizia è stata diffusa da qualcuno a scopo intimidatorio, ne sono quasi certa.

4. PROVA DI COMPRENSIONE TESTUALE – CLOZE TEST

NOVECENTO
"Novecento" è il libro da cui è tratto il film “La leggenda del pianista sull’oceano”. E’ praticamente un lungo monologo. La prosa è scorrevolissima, semplice, divertente e senza sosta; il racconto sembra il monologo di presentazione dell’attore di cabaret anni ’30. Novecento è un bambino dai genitori ignoti, trovato dal macchinista di un transatlantico, chiamato in tal modo dato che nessuno sapeva quale fosse il suo vero nome. Il bambino, cresciuto dai membri dell’equipaggio (ognuno dei quali è brevemente descritto con un caratteristico ritratto), viene sentito un giorno suonare il pianoforte, con una bravura straordinaria per un ragazzino che non ha neanche mai seguito lezioni di piano. La storia è presentata da un trombettiere jazz, salito sulla nave quando Novecento era ormai un uomo cresciuto. Egli ne descrive le “gesta” musicali, al limite della leggenda, misteriose e da togliere il fiato. Novecento viene presentato nella sua genialità e con la sua persona che è essa stessa tutto un enigma, senza passato ed effettivamente senza nemmeno vera vita. Vissuto sempre su una nave, non avendo mai messo piede al di fuori di essa, Novecento e la sua psicologia non possono esser compresi da persone abituate a vivere sulla terra ferma. Una figura geniale, ma al contempo impacciata, dato che la sua esperienza si esaurisce al di fuori dei corridoi della nave, a tratti bambinesca, ma sempre e comunque straordinariamente ermetica ed affascinante. Nonostante la fretta con la quale gli eventi sono presentati, l’intreccio procede senza intoppi, senza tralasciare nulla di essenziale, intriso com’è di elementi poetici, capaci di toccare il lettore/ascoltatore.

ITALIANO L2 - LIVELLO B2
PROTOTIPO TRACCE PER PROVA DI COMPOSIZIONE SCRITTA

1. Testo narrativo: Delinea il tuo rapporto con la musica, lasciandoti ispirare dalle seguenti affermazioni e raccontando qualche episodio-chiave della tua vita. Gli episodi di vita possono essere veri o inventati.
‘La musica mantiene in equilibrio la natura ed è indispensabile alla vita di ogni creatura: grazie al suo aiuto la tristezza non appassisce l'anima’.(Romano Battaglia, Il fiume della vita, 1992
‘La passione per la musica è già da sola una confessione. Sappiamo di più su uno sconosciuto appassionato di musica che su qualcuno che alla musica è insensibile e che incontriamo ogni giorno’.(Emil Cioran, L'inconveniente di essere nati, 1973)
2. Testo argomentativo:
‘Un Paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via. Un Paese vuol dire non essere soli, sapere che nella gente, nelle piante, nella terra c’è qualcosa di tuo, che anche quando non ci sei, resta ad aspettarti’. (Cesare Pavese, La luna e i falò, 1950). ‘La vera patria è quella in cui incontriamo più persone che ci somigliano’. (Stendhal, Roma, Napoli e Firenze, 1817/27). Costruisci un breve testo argomentativo sul tema ‘patria’, ricordando che lo scopo di un’argomentazione è presentare punti di vista diversi, mettendo in rilievo il proprio.
3. Testo espositivo:
Tratteggia a brevi linee il tuo rapporto col mondo dello sport, seguendo la traccia delle domande che seguono: Che ruolo ha lo sport nella tua vita? Sei un tifoso? Ti piace seguire qualche sport in particolare?
Descrivi inoltre l’atteggiamento generale (nei confronti dello sport) che riscontri nel tuo Paese d’origine, seguendo la traccia data da queste domande: Qual è lo sport più seguito nel tuo Paese? Che cosa succede nel tuo Paese quando si gioca una partita importante? Dove si ritrova la gente a guardare la partita? Come si festeggia? Commenta infine tale affermazione: ‘A seconda se si considera l’Oriente o l’Occidente, l’Europa o l’Africa, i paesi oltreoceano o oltremanica, lo sport assume ruoli e valori diversi’. (da: http://isitintercultural-it.over-blog.com)


Torna ai contenuti | Torna al menu